Mozione del Consiglio dell’Ordine di solidarietà ai Colleghi vittime di ingiusta perquisizione

Il giorno 23.6.2017 veniva eseguita perquisizione locale negli studi professionali e nelle abitazioni di due avvocati iscritti all’Ordine di Udine per ricerca e sequestro del corpo del reato o di cose pertinenti al reato di infedele patrocinio, contestato ai due professionisti.
La perquisizione negli studi professionali era stata richiesta dal Pubblico Ministero e autorizzata dal Giudice per le Indagini Preliminari, mentre la perquisizione nelle abitazioni era stata direttamente disposta dal Pubblico Ministero con provvedimento firmato da Sostituto Procuratore titolare delle indagini e vistato dal Procuratore Capo.

Continua a leggere